chi siamo

Massimo Cattaneo (Balerna, 1962) e Gianni Birindelli (Firenze, 1952) fondano lo studio di architettura Cattaneo e Birindelli – architetti associati a Balerna nel 1992, la loro amicizia risale invece a molto tempo prima.

Laureati al Politecnico Federale di Zurigo (ETHZ), con nove anni di distanza l’uno dall’altro, hanno in comune le stesse passioni per l’architettura e per i viaggi. Sono queste a contribuire da sempre all’approfondimento di conoscenze ed esperienze, che vengono tradotte poi in risultati concreti nella produzione architettonica dello studio.

Luogo, tradizione e fattori climatici rappresentano i cardini attorno ai quali ruota l’impostazione del progetto. Materiale, sistema costruttivo e sviluppo sostenibile sono i parametri da cui si sviluppa e si concretizza l’idea di spazio e la proposta funzionale.

L’etica professionale è fautrice di un intenso rapporto con la committenza e di un profondo senso di responsabilità verso gli aspetti economici ed ecologici del costruire, messi in pratica con la direzione dell’opera dalla sua concezione fino alla realizzazione.

Viaggi di studio, contatti internazionali, ricerche ed esperimenti sul legno e sui suoi derivati, conferiscono un carattere pioneristico ed una posizione d’avanguardia nel Canton Ticino alle opere eseguite con questo materiale applicato al sistema delle strutture intelaiate. Primo esempio e testimonianza tangibile è il loro studio di Balerna, realizzato nel 1993.

Da allora, numerosi sono i progetti eseguiti e felicemente realizzati, la maggioranza dei quali appartenente all’architettura abitativa. Lo studio è attivo da sempre anche nella progettazione e nella realizzazione di ristrutturazioni, edifici polifunzionali ed opere pubbliche, in parte acquisite con concorsi di architettura, così come nell’organizzazione e coordinamento dei concorsi stessi.

L’esperienza maturata in 30 anni di lavoro, permette allo studio di affiancare committenti pubblici e privati nella ricerca di soluzioni adeguate a temi complessi, tramite studi di fattibilità e progetti a scala urbana. La sistemazione della piazza di Balerna, preceduta da un’analisi ed un progetto spontanei fra il 2009 ed il 2017, ne rappresenta un adeguato esempio.

L’attività accademica ha dall’inizio affiancato quella più pratica dello studio d’architettura. Gianni Birindelli è stato attivo al Politecnico Federale di Zurigo (ETHZ), Dipartimento di architettura, dal 1981 al 2017, in qualità di assistente prima e docente poi. Massimo Cattaneo, dopo anni come assistente all’Accademia di Architettura di Mendrisio (AAM) e alcuni semestri di docenza presso la Facoltà di Architettura di Alghero (Italia), è attualmente docente di progettazione architettonica e costruttiva presso la Scuola Universitaria Professionale (SUPSI) di Lugano.

(…) Nessun architetto può creare un edificio per chi non crede in lui, per chi non crede in ciò in cui egli crede, per chi non ha scelto lui in forza di questa fede sapendo quel che può fare: tale è secondo me la natura dei rapporti tra cliente ed architetto. Se qualcuno vuol costruire un edificio cerca chi interpreti per lui, chi esprima ciò che egli sente e che non sa realizzare mancando delle necessarie cognizioni tecniche; quindi se qualcuno mi viene a chiedere di costruire per lui io lo considero cosa mia, perché posso fare ciò che egli vorrebbe fare. (…)

Frank Lloyd Wright (*1867; † 1959), 2nd lecture at The Sulgrave Manor Board, London, 1939

interesse per un nuovo progetto